Impegni assunti dall'Assemblea Mondiale Emmaus 

Settembre 1996 - UNESCO - Parigi

Solidali per la giustizia

Dal 9 al 12 settembre 1996, si è svolta la 8a Assemblea Mondiale di Emmaus Internazionale. Nella prestigiosa sala dell'Unesco, a Parigi, 450 delegati, rappresentanti dei 320 Gruppi Emmaus presenti in 42 paesi del mondo, hanno condiviso le proprie esperienze, necessariamente diverse tra loro, e verificato, reciprocamente, la propria azione per renderla sempre più efficace e sempre meglio rispondente alla particolare realtà del mondo di oggi, in cui, per la prima volta, noi tutti siamo la prima Umanità costretta a vivere nella più assoluta e globale mondializzazione, di ogni problema, di ogni programma, di ogni valore, di ogni conquista della scienza e della tecnica, di ogni dramma e sofferenza umana. 

Presentiamo ai nostri lettori ed a tutti i nostri Amici italiani, le conclusioni di questa importante assise mondiale del nostro Movimento.
Sono impegni, impegni di solidarietà che ci coinvolgono tutti, che ci invitano, ci interpellano a 'darci da fare', in tutti i luoghi e modi possibili, perché' l'Umanità del nuovo millennio ormai prossimo, possa vivere in un mondo giusto ed umano. 

'Noi, Comunità e Gruppi membri del Movimento Emmaus Internazionale, riuniti per la 8a Assemblea Mondiale a Parigi, Unesco, assumiamo i seguenti IMPEGNI SOLIDALI:

  • SUL PIANO ETICO
  • 
SUL PIANO POLITICO
  • 
SUL PIANO ECONOMICO
  • SUL PIANO CULTURALE E EDUCATIVO

Per vivere e realizzare questi impegni solidali, l'Assemblea Generale riafferma che Emmaus Internazionale ha un ruolo motore nella dinamica, nella proposta e nel coordinamento dei progetti e delle azioni di solidarietà.


Impegni sul piano Economico 



Perché il denaro sia finalmente, al servizio della persona umana, noi ci impegniamo: 
a trasformare il nostro rapporto al potere che dà il denaro, in particolare: 



verificando il nostro modo di guadagnarlo, facendo attenzione, per esempio, alla destinazione del materiale che vendiamo;

verificando il nostro modo di spenderlo, facendo attenzione all'utilizzo delle nostre riserve finanziarie, rifiutando decisamente la smania dell'accumulare ricchezze, anche se destinate a fin di bene;

verificando il nostro modo di investire i nostri risparmi, sia pur modesti, preferendo, quanto meno, gli 'investimenti etici'. 



Perché l'economia sia finalmente, al servizio della persona umana, noi ci impegniamo: 
a suscitare, sostenere, partecipare a tutte le forme di economia solidale, a tutti i livelli. In particolare: 


  • a ricercare e trovare nuove possibilità economiche, nelle diverse realt à sociali ove operiamo, per creare nuove attività e nuova occupazione,
  • a riconoscere e fornire ai Popoli senza potere ed economicamente dipendenti i mezzi adeguati, richiesti dalle popolazioni interessate, per poter produrre quanto loro necessita per soddisfare i propri bisogni primari, in vista dell'autosufficienza,
  • a denunciare imprese che immettono sul mercato prodotti che sfruttano l'Uomo e l'ambiente, ed a favorire il commercio equo e solidale verificando che sia garantita, a tutti i livelli e sotto tutti gli aspetti, la massima trasparenza, sollecitando il consumatore ad adottare stili di vita più coerenti. 



Perché i diversi modi di utilizzare il denaro siano rispettosi delle persone ed a loro servizio, noi ci impegniamo:

  • 

a mettere in comune il denaro disponibile nei nostri Gruppi, 

  • ad utilizzare e favorire , insieme ad altri, lo sviluppo di banche etiche, con scopi e metodi solidali e sociali, 

  • ad appoggiare le iniziative di autosviluppo tendenti all'autosufficienza, 

  • valorizzare le esperienze locali di risparmio e di credito gestite direttamente dalle popolazioni interessate e fondate sui valori della condivisione e della solidarietà.

Impegni sul piano Etico

Per essere capaci di vivere solidali ed uniti nella condivisione, noi ci impegniamo:

alla trasparenza nelle prese di decisione, nel modo di funzionamento e di gestione del denaro; trasparenza che è fondata sull'accettazione ed il rispetto delle differenze, fonte e motivo di fiducia

  • in un atteggiamento di condivisione di stili di vita rispettosi di ogni popolo, di ogni persona e di ogni ambiente, escludendo quindi ogni sentimento di superiorità; 
  • sentendoci tutti responsabili delle decisioni fraternamente prese e trasmesse a tutti; 
  • sentendo nostro il Movimento di cui siamo membri, e quindi tutti responsabili gli uni nei confronti degli altri. 



alla reciprocità

  • attraverso l'ascolto sincero, lo scambio e la valorizzazione costante delle esperienze, risorse e competenze di ciascuno, specialmente dei più deboli;
  • attraverso lo sviluppo delle capacità di ciascuno affinché possa esigere, ottenere ed esercitare i propri diritti ed i propri doveri;
  • nella coerenza tra le nostre parole e le nostre azioni, sempre preoccupati di essere tutti credibili, sia a livello personale, di Gruppo e di Movimento.

a cambiare mentalità

  • abituandoci alla convivialità delle differenze;
  • avendo l'ardire, non solo di reclamare la soppressione del 'debito estero' dei Paesi del Sud del mondo, ma anche di fare riconoscere i nostri debiti, tanto culturali che economici nei loro confronti;
  • accettando tutti e ciascuno, di essere messi in discussione, interpellati dagli altri e dalla realtà che ci circonda.


Impegni sul piano Culturale e Educativo



Per essere più efficace come Movimento di solidarietà internazionale, noi ci impegniamo: 
a migliorare e sviluppare la comunicazione a tutti i livelli: 



  • all'interno dei propri Gruppi e del nostro Movimento nel suo insieme:
  • condividendo regolarmente l'informazione su 'chi siamo, che cosa facciamo, in che cosa crediamo ed a cosa aspiriamo'; 
  • creando modi efficaci di comprensione per accettare ed andare oltre le barriere delle lingue e delle culture diverse, anche con forme differenziate di scambi tra comunità e gruppi di diverse Regioni e Continenti. 
· all'esterno dei nostri Gruppi e del nostro Movimento:
  • ricorrendo ai mezzi di comunicazione del nostro tempo per diffondere e far condividere i nostri ideali ed i nostri impegni, chiedendo attenzione e rispetto per i meno potenti; 
- facendo conoscere le prese di posizione di Emmaus che gioca il suo ruolo profetico quando denuncia, annuncia e propone. 



Allo scopo di essere attenti ai bisogni degli altri e di permettere la promozione di persone libere e solidali, noi ci impegniamo: 
a rafforzare il processo di coscientizzazione per tutti i nostri membri, all'interno delle nostre Comunità e Gruppi, in particolare nei seguenti aspetti:

  • educazione e formazione al cambiamento, a livello singolo e comunitario, come pure in seno alla società in cui operiamo; 

  • valorizzazione continua, nella nostra vita quotidiana e nelle nostre azioni, degli ideali costituenti la base del nostro Movimento, favorendone la comprensione e la realizzazione nell'attuale contesto storico; 

  • condivisione a tutti i livelli, delle esperienze, delle conoscenze, dei tempi, del diritto a decidere, così come dei rischi che comporta la lotta per la giustizia;
  • garanzia per tutti e per ciascuno, quale che sia la sua posizione e la sua condizione, di partecipare alla formazione ed alla condivisione, essendo il 'vissuto' di ciascuno la base di partenza del nostro processo di crescita reciproca; 

  • perfezionamento della nostra conoscenza ed analisi dell'attuale realtà mondiale, per poter prendere le posizioni politiche ed intraprendere le azioni necessarie al cambiamento delle strutture della nostra società;
  • attenzione particolare ai giovani per sensibilizzarli sempre più ai valori del nostro Movimento, con una informazione specifica e mediante la condivisione della nostra esperienza quotidiana, nelle nostre Comunità e nei Campi di lavoro.

Impegni sul piano Politico

Perché la nostra opzione per una società giusta e solidale si realizzi, noi ci impegniamo: 

ad appoggiare le azioni concrete degli esclusi e degli oppressi per un cambiamento della nostra attuale società che emargina ed ignora i più deboli: 


tenendo conto delle realtà sociali, economiche, politiche e culturali che ci circondano;

  • 
camminando insieme, affinché gli esclusi e gli oppressi trovino loro stessi le soluzioni ai loro problemi vitali;
  • 
denunciando, sempre ed in tutti i modi, le ingiustizie sociali ed i sistemi che generano la miseria e l'esclusione;

  • proponendo un'alternativa sociale che interpelli la coscienza dell'Umanità, dimostrando che non si può rimanere indifferenti, e che un mondo solidale è possibile, valido, conveniente e stabile per tutti;
  • 
suscitando e cercando alleanze con organizzazioni, movimenti o federazioni che condividono le nostre convinzioni, in modo da costituire un fronte comune di azione e di pressione per la difesa dei diritti di tutti e soprattutto dei più deboli.



Per creare 'spazi di giustizia' ove realizzare le azioni che mirano alla distruzione delle cause della miseria, noi ci impegniamo:

  • 


a fare delle nostre Comunità, il primo spazio di giustizia, 

ad aprirci sempre più alla realtà sociale in cui viviamo e ad agire contro ogni forma di esclusione,

  • 
a protestare contro ogni ingiustizia sociale, per non esserne complici col nostro silenzio,

  • 
a coscientizzarci per il necessario sostegno da garantire allo sviluppo ed all'incremento dei gruppi e delle azioni sociali, all'interno ed all'esterno del Movimento,
  • 


ad unirci ad altri o ad attivare in proprio adeguate azioni di formazioni, educazione e formazione professionale,

  • 
a lottare per una legislazione più umana che permetta lo sviluppo della solidarietà tra gli Uomini,

  • 
a lottare per la creazione, al limite delle leggi, di spazi di legalità che permettano, comunque, a tutti, anche alle minoranze, la salvaguardia dei propri diritti primari.